SOLDI A CHI LOTTA CONTRO IL NEMATODE

La Regione Pimeonte approva i contributi ai risicoltori che non hanno potuto coltivare riso per la quarantena
Buone notizie per le aziende risicole piemontesi che la scorsa estate parteciparono alla lotta contro il nematode galligeno. Per opporsi al proliferare del parassita, circa 19 ettari di terreno in cui era stata riscontrata la presenza del nematode furono soggetti al divieto di coltivazione del riso, con la sommersione totale per 14 mesi consecutivi e alcune operazioni colturale ritenute opportune. Per risarcire il mancato reddito dovuto al blocco delle coltivazioni e i costi aggiuntivi sostenuti per la lotta al parassita, oggi la Giunta regionale, su proposta dell’assessore Giorgio Ferrero, ha stanziato 72.600 euro, somma ritenuta congrua ai danni subiti dalle aziende. «E’ un intervento dovuto per risarcire che ha messo in atto le prescrizioni regionali rese necessarie per bloccare il proliferare del nematode”, commenta Giorgio Ferrero. “Siamo consapevoli dei problemi dei produttori di riso e cerchiamo, per quanto di nostra competenza, di sostenerli». Autore: Regione Piemonte
Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI