RIENTRA IL RISCHIO MEDIO IN LOMBARDIA

Il bollettino regionale conferma le indicazioni di minore probabilità di diffusione del patogeno

La Regione Lombardia conferma il basso rischio di brusone nelle terre del riso. Nella stessa giornata il bollettino Bruma della Regione Piemonte registra un abbasssamento del rischio tra Novara e Vercelli. Dopo la situazione di medio rischio evidenziata nei giorni scorsi nelle aree risicole del milanese e del lodigiano, non si segnalano infatti rischi imminenti. Insomma, il grande caldo mantiene in pausa la malattia: le spore non si diffondono. 

Ricordiamo che il servizio di elaborazione di mappe di rischio della Lombardia serve a informare i risicoltori circa la possibilità di sviluppo di processi di infezione da Pyricularia oryzae (Brusone del riso) e che è uno strumento messo a disposizione dei produttori risicoli lombardi nell’ottica di un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, come rimarcano al Pirellone. L’accesso è libero, non necessita né di registrazione né di particolari conoscenze informatiche. Ogni giorno è possibile visualizzare il rischio potenziale di infezione tramite una mappa d’insieme delle aree risicole lombarde e una mappa di dettaglio per ciascun comune. La consultazione può avvenire direttamente da qualsiasi smartphone (tutti i sistemi operativi) oppure tramite pc. Alla pagina dedicata è possibile avere le informazioni per la lettura delle mappe e consultare la serie storica. Il servizio nasce dalla collaborazione con l’Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell’Ambiente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IREA) e con il laboratorio Cassandra di modellistica agronomica dell’Università degli Studi di Milano (UNIMI-Cassandra). L’accesso avviene tramite l’homepage di Ersaf cliccando sull’icona Bollettini di difesa fitosanitaria che si trova sul lato sinistro della pagina, e poi su Allerta brusone riso oppure direttamente dal link: http://www.ersaf.lombardia.it/servizi/bollettini/index.aspx Ricordiamo anche che quest’anno non si può utilizzare il triciclazolo e che, come ha comunicato anche l’Ente Nazionale Risi, esistono valide alternative per contrastare il brusone, come azoxystrobin-difenoconazolo e zolfo, usato anche nel bio. L’ultima novità per il riso biologico è il bacillus subtilis.

Categorie
Tecnica
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI