MILIONI DI TONNELLATE DI RISO DI CONTRABBANDO

I dati cinesi sottoposti all'analisi di Gaotrade Commodities rivelano inquietanti retroscena

Nonostante una serie di campagne governative, le importazioni di riso di contrabbando in Cina hanno raggiunto probabilmente 2 milioni di tonnellate nel 2015 e nel 2016, secondo stime cinesi. Lo rivela Franco Negri, direttore di Gaotrade Commodities. Il volume contrabbandato è stato dedotto confrontando le statistiche sulle esportazioni dal Vietnam e dalla Birmania, che superano di gran lunga le importazioni di riso da questi Paesi. L’aggiunta di 2 milioni di tonnellate di riso contrabbando al dato delle importazioni ufficiali di 3,35 milioni di tonnellate registrate dalle statistiche doganali porta le importazioni totali della Cina a 5,35 milioni di tonnellate. Sottrarre le esportazioni di riso della Cina di 280.000 tonnellate tuttora lascia il volume di importazione netto – contrabbandato e legale – a oltre 5 milioni di tonnellate.

L’analista afferma che le importazioni hanno un forte impatto sul mercato del riso cinese anche se 5 milioni di tonnellate di riso sono pari al solo 4 per cento del consumo annuale di riso del Paese. L’articolo solleva anche la preoccupazione riguardo al fatto che la quota del 4% delle importazioni sia prossima alla violazione della “sicurezza alimentare” nazionale e che pertanto il Governo non possa più controllare il mercato acquistando e vendendo riserve. Il governo ha infatti acquistato oltre 30 milioni di tonnellate di riso per sostenere i prezzi degli ultimi tre anni, mentre le importazioni di riso sono aumentate, e ha già avuto molte difficoltà a vendere le riserve a causa della pressione al ribasso sui prezzi esercitati dalle importazioni. Nel corso del 2015, Pechino ha offerto 88 milioni di tonnellate di riserve sul mercato, ma solo 5 milioni di tonnellate trovano acquirenti.

Il mercato del riso cinese non è effettivamente grande quanto le statistiche di produzione fanno apparire perché la maggior parte del riso prodotto è conservato dalle aziende agricole per il consumo proprio. Secondo le statistiche del Grain Bureau per l’annata agricola 2014/15, solo 86,5 milioni di tonnellate di risone sono stati acquistati, cioè meno della metà della quantità indicata dall’Ufficio statistico Nazionale, pari a 206,5 milioni di tonnellate di produzione. La differenza rispecchia il differenziale tra il riso utilizzato dagli agricoltori stessi e forse una sovrastima della produzione da parte dell’Ufficio statistico. Di 86,5 milioni di tonnellate di risone acquistato, 32,3 milioni di tonnellate sono state stoccate nell’ambito del programma di prezzo minimo, quindi non immesse sul mercato. Deducendo il riso conservato nei magazzini e aggiungendo i 5 milioni di tonnellate di riso in vendita nel 2015, rimangono 59,2 milioni di tonnellate di riso cinese che effettivamente sarebbe entrato sul mercato, circa un quarto della produzione totale.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

CORRELATI