L’EUROPA OSSERVA I CEREALI

L'obiettivo è aiutare i produttori ad affrontare la volatilità del mercato e renderlo più trasparente

La Direzione Generale della Commissione Agricoltura Ue ha lanciato il 20 luglio un osservatorio sui mercati dei cereali, dei semi oleosi e di quelli proteici che viene ad aggiungersi agli osservatori già esistenti, del latte, della carne e dello zucchero e servirà a portare maggiore trasparenza e analisi a un settore chiave per l’agricoltura europea.Obiettivo degli osservatori è quello di aiutare il settore agricolo europeo ad affrontare in modo più efficace la volatilità del mercato e garantire una maggiore trasparenza condividendo dati di mercato e analisi a breve termine.

L’osservatorio del mercato delle colture è costituito da organizzazioni rappresentate da 23 esperti di mercato individuali provenienti da differenti fasi della catena di approvvigionamento dei chicchi e cioè agricoltori, commercianti, industrie di prima trasformazione e industria di seconda trasformazione. Questo consiglio di esperti di mercato si riunirà due volte all’anno, presieduto dalla Commissione. In media l’Ue esporta ogni anno oltre 40 milioni di tonnellate di cereali, corrispondente a un valore di esportazione di oltre 10 miliardi di euro. Il tema dei prezzi, dei dati produttivi e della loro trasparenza è molto sentito nel settore risicolo e divide da sempre produttori agricoli e industriali. Il tema è reso scottante anche dalla riforma – in itinere – delle Borse merci. Per quello che emerge ora da Bruxelles, è improbabile che questo nuovo osservatorio modifichi la situazione di opacità che vede i risicoltori in posizione svantaggiata rispetto all’industria.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

CORRELATI