LA CAMBOGIA TEME UN CROLLO DEI PREZZI

Le scelte thailandesi potrebbero riflettersi sui listini delle commodities

Il settore risiero cambogiano e gli esportatori di riso sono fortemente preoccupati del piano della Thailandia, che intende immettere sul mercato 4,32 milioni di tonnellate di riserve statali entro settembre, a seguito di un forte aumento della domanda globale del riso. Questo potrebbe ridurre i prezzi del cereale sui principali mercati delle materie prime. «Quando la Thailandia propone una parte così cospicua del proprio magazzino sul mercato, è probabile che si verifichi un impatto negativo sui prezzi e, a sua volta, che venga influenzato anche il prezzo delle esportazioni di riso lavorato», ha dichiarato Hun Lak, vicepresidente della Federazione risicola della Cambogia, in un’intervista al quotidiano on line Khmer Times.

Lak ha affermato che la Cambogia, a differenza della Thailandia, subisce la mancanza di strutture adatte per per lo stoccaggio e quindi per immettere sul mercato il cereale quando il mercato si apprezza. «Il tempo più lungo in cui possiamo conservare le nostre scorte non supera i tre-quattro mesi; dopo di che le condizioni non consentono più di metterlo in commercio», ha aggiunto. La Thailandia è l’esportatore di riso secondo più grande del mondo dopo l’India e ha ancora delle scorte di circa 5 milioni di tonnellate, accumulate a seguito di un sistema di acquisto di riso avviato durante il governo precedente che ha pagato gli agricoltori ben al di sopra dei livelli di mercato. L’attuale governo militare sta tentando di vendere le scorte dal sistema attraverso varie aste statali da quando ha preso il potere nel 2014. Finora, ha venduto 12,74 milioni di tonnellate, pari ad un valore di 114 miliardi di baht (3,31 miliardi di dollari), ha dichiarato il ministero del Commercio thailandese. Ha detto che sarà in grado di liberarsi del riso rimanente entro la fine dell’anno. Il Bangladesh infatti vuole acquistare immediatamente da 250.000 a 300.000 tonnellate di riso bianco al 5% per sostenere gli sforzi umanitari sulla scia del ciclone che ha inondato gran parte del paese. Ha intenzione di aumentare le importazioni di riso a 500.000 tonnellate entro la fine dell’anno e sta guardando a Thailandia e Vietnam per soddisfare le sue esigenze in questa fase di emergenza.  Ci si aspetta che la domanda aumenti anche nello Sri Lanka: l’area è stata a sua volta colpita dalle conseguenze del ciclone che ha innescato inondazioni e frane. 

Song Saran, amministratore delegato di Amru Rice (Cambogia), ha dichiarato che la Thailandia ha potuto permettersi di vendere il proprio stock di riso quando i prezzi erano alti perché i risicoltori sono stati sovvenzionati dal governo per coprire i loro costi di produzione. «I costi di produzione in Cambogia sono alti perché stiamo coltivando riso di buona qualità» ha dichiarato Saran. Per questo, ha aggiunto, le esportazioni di riso della Cambogia trovano difficile competere sul mercato delle commodities.  Ma non tutti i 4,32 milioni di tonnellate di riso di riso statale della Thailandia sono di buona qualità. Circa 2,5 milioni di tonnellate sono prevalentemente di bassa qualità o scadenti, adatte solo per uso industriale. Chookiat Ophaswongse, presidente onorario dell’Associazione di esportatori di riso thailandese, ha dichiarato che le riserve statali di riso di qualità stanno per esaurirsi.  Perciò, Saran sollecita la Federazione della riso cambogiana a trovare ulteriori mercati per le esportazioni di riso jasmine di alta qualità. «Poiché i nostri costi di produzione sono alti, dobbiamo considerare di trovare altri mercati che la Thailandia non raggiunge, affinché possiamo mantenere un’alta qualità e ottenere prezzi più elevati», ha aggiunto. 

Le esportazioni di riso lavorato in Cambogia hanno sfiorato le 170.000 tonnellate nei primi tre mesi di quest’anno, con un incremento del tre per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’aumento è avvenuto dopo che le esportazioni a marzo sono diminuite del 16% e le esportazioni nel mese di gennaio e febbraio sono aumentate rispettivamente del 10% e del 17%. La Cina è il più grande mercato per il riso lavorato in Cambogia e ha importato circa 67.000 tonnellate nei tre mesi. Francia e Polonia sono rispettivamente il secondo e terzo mercato di riso lavorato, importando rispettivamente 21.000 e 12.000 tonnellate.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI