BOLLETTINO NITRATI IN LOMBARDIA

Tutte le regole e le modalità per tenersi informati

È ripresa da martedì 31 ottobre la pubblicazione del Bollettino Nitrati per la stagione autunno- vernina 2017-2018 in Lombardia. Il Bollettino Nitrati, con frequenza bisettimanale, regola in maniera vincolante nei mesi di novembre e febbraio su tutto il territorio regionale i divieti temporali di distribuzione di letami, liquami e materiali assimilati, fanghi, acque reflue e altri fertilizzanti organici e azotati. Il bollettino sarà emesso sino all’esaurimento dei 90 giorni di blocco delle distribuzioni per la stagione autunno- vernina 2017-2018 per le 6 Zone Pedoclimatiche.

Divieti di distribuzione

Per le aziende aderenti alla Deroga Nitrati 2016-2019 il divieto di distribuzione è continuativo dal 1° novembre 2017 al 31 di gennaio 2018 e perdura nel mese di febbraio fino alla data di raggiungimento dell’ultimo giorno di divieto definito per la zona pedoclimatica di appartenenza. Come sempre, resta salvo il divieto di utilizzazione agronomica dei fertilizzanti sui terreni gelati, innevati, con falda acquifera affiorante, con frane in atto e su terreni saturi d’acqua, nei giorni di pioggia e nei giorni immediatamente successivi, al fine di evitare il percolamento in falda e il costipamento del terreno. Occorre inoltre sempre controllare la qualità dell’aria nel proprio comune.

Chi deve rispettare il bollettino nitrati

Chi distribuisce letami, liquami e materiali ad essi assimilati, fanghi, acque reflue e altri fertilizzanti organici e azotati di cui al capitolo 3 lettera b del Programma d’Azione per le Zone Vulnerabili da Nitrati (d.g.r. X/5171 del 16 maggio 2016) e delle Linee Guida per le Zone non Vulnerabili da Nitrati (d.g.r. X/5418 del 18 luglio 2016).

Le gestioni colturali interessate

Sono interessati prati e/o cereali autunno vernini e/o colture ortive e/o, arboree con inerbimenti permanenti; preparazione dei terreni ai fini della semina primaverile anticipata o autunnale posticipata; terreni con residui colturali; colture che utilizzano l’azoto in misura significativa anche nella stagione autunno-invernale, come per esempio le colture ortofloricole e vivaistiche protette o in pieno campo.

Nuove regole riguardanti i PM10

Dal 1° ottobre 2017 al 31 marzo 2018, in seguito all’approvazione dell’Accordo Aria, vige il divieto di spandimento dei liquami zootecnici sui terreni localizzati nei comuni ove siano in vigore le misure temporanee di 1° e 2° livello istituite ai fini del miglioramento della qualità dell’aria. Ecco gli esempi di applicazione dei nuovi divieti forniti da Ersaf: se la zona pedoclimatica è verde ma nei comuni che aderiscono all’Accordo Aria sono in vigore le misure di 1° e 2° livello (in entrambi i casi divieto di distribuzione “liquami zootecnici”) il simbolo di Attenzione apposto sulla zona pedoclimatica e sulla tabella del bollettino segnalerà la necessità di verificare ulteriormente la situazione nel comune di interesse. Se la zona pedoclimatica è verde senza simboli, non vi sono limitazioni alle distribuzioni. Se la zona pedoclimatica è rossa, è vietata la distribuzione in tutti i comuni della zona.

App Nitrati per tenere sotto controllo il bollettino

È disponibile su Google Play per Android e a brevissimo su App Store per dispositivi iOS la App Nitrati Ersaf. Attraverso la App gli agricoltori potranno avere sempre a portata di mano il Bollettino Nitrati, spiega Erasf, per sapere in tempo reale la situazione dei divieti di distribuzione di effluenti zootecnici e assimilati, fanghi e gli altri fertilizzanti organici e azotati comune per comune. In un unico strumento vengono infatti integrate le consuete prescrizioni derivanti sia dalla Direttiva Nitrati, sia quelli che scattano al superamento dei livelli di PM10, per i comuni aderenti all’Accordo Aria. Per iscriversi alla newsletter del bollettino nitrati: http://www.ersaf.lombardia.it/servizi/newsletter/newsletter_utente_fase01.aspx

Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI